Video danza realizzato assieme all’artista Carlo Fatigoni nel 2007. La nascita di un seme in una palude insalubre, malsana. Larve di zanzare, anguille, lumache. Gracidare orgiastico di rane alle prese con una serenata al chiaro di luna. La carne del danzatore si fa luogo di una genesi in continua crisi. Il corpo-vegetale trema si agita, è abitato da scosse che ne mettono indubbio la sopravvivenza. Il corpo è attraversato dalla vita in tutta la sua drammatica verità, si fa mezzo per rimembrare esistenza organica altra; in bilico continuo tra vita e morte, fino al momento in cui la verità organica della carne non emerge, luminosamente consapevole.